C!PART • CERVIA PARTECIPA

Verso un bilancio all'insegna di collaborazione e sostenibilità

L’Amministrazione comunale di Cervia - in collaborazione con i Consigli di Zona – è promotrice del progetto “C!PART” un percorso partecipativo di coinvolgimento della comunità nella sperimentazione della procedura di Bilancio Partecipato che accompagnerà la redazione del Bilancio di Previsione 2023. La sperimentazione rappresenta la “fase 2” di un percorso iniziato nel 2021: l’esito della prima fase sono le Linee Guida per lo sviluppo della sperimentazione, (approvate con delibera della Giunta Comunale a fine 2021), mentre l’esito atteso della seconda fase, oltre a testare compiutamente la procedura realizzando il 1° Bilancio partecipato della Città di Cervia, è l’evoluzione delle Linee Guida in Regolamento istitutivo del Bilancio Partecipato, da approvare in Consiglio Comunale.

B!PART - FASE 1

Nel periodo luglio-dicembre 2021 si è svolta la fase 1 del percorso partecipativo B!PART che ha visto la partecipazione del personale interno all’Amministrazione attraverso laboratori di riflessione su obiettivi e ricadute attese dal Bilancio partecipato -  in termini di efficienza/efficacia/innovazione della PA – e un audit per l’emersione di proposte di sviluppo, elementi di attenzione, aspirazioni di settori/servizi. Al laboratorio e audit sono seguite interviste ai rappresentanti delle forze politiche presenti in Consiglio Comunale per un’analisi condivisa delle potenzialità dello strumento Bilancio partecipato, con l’emersione di punti di forza e debolezza del territorio/comunità da tenere presente. Infine sono stati realizzati tre focus group dedicati al mondo economico (convolte tutte le associazioni di categoria del territorio), al mondo socio-culturale (consulte del volontariato, scuola, responsabile del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze), al mondo della rappresentanza territoriale (8 Consigli di Zona). L’esito della prima fase sono le Linee Guida per lo sviluppo della sperimentazione del 1° Bilancio partecipato della Città di Cervia (fase 2).

C!PART - FASE 2

Nel periodo febbraio-dicembre 2022 si svolgerà la fase 2 percorso partecipativo C!PART - CERVIA PARTECIPA (nome rivisitato), incentrata sulla sperimentazione della procedura di Bilancio partecipato, seguendo le linee guida emerse dalla fase 1 del percorso partecipativo: il Bilancio Partecipato è inteso come strumento di democrazia partecipativa dove bisogni e aspirazioni della comunità sono espresse attraverso un processo incentrato sul dialogo e il confronto, orientato a definire e deliberare proposte partecipate “da mettere a Bilancio”. Il processo è articolato in attività di interazione pubblica tra cittadini e Amministrazione (assemblee informative, incontri di co-progettazione) e attività di consultazione on line/on site (sondaggi, votazioni). I 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 sono assunti come cornice tematica delle proposte partecipate da inserire nel Bilancio di previsione 2023.

OBIETTIVI GENERALI

  • Garantire una partecipazione diffusa e rappresentativa (sul piano generazionale: giovani, adulti, anziani; sul piano territoriale: costa/forese).
  • Rinforzare la democrazia rappresentativa del territorio (Consigli di Zona, Associazioni di categoria, Sindacati, Consulte tematiche.).
  • Valorizzare la presenza degli strumenti di partecipazione già attivi (Carta dei cittadini attivi e Sportello, Regolamento dei Consigli di Zona, Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze, Porte di Comunità).
  • Introdurre nuovi strumenti di partecipazione per aumentare le possibilità di coinvolgimento della Comunità in un’ideale ampio di Amministrazione condivisa.
  • Rendere l'Amministrazione più efficace, efficiente ed innovativa partendo dalla messa in campo di valori quali trasparenza, fiducia, corresponsabilità, co-apprendimento, senso si appartenenza.

OBIETTIVI OPERATIVI

  • Sperimentare la procedura di Bilancio Partecipato (sulla base delle Linee Guida esito della fase 1)
  • Valutare collegialmente l’esito della sperimentazione.
  • Evolvere le Linee guida in Regolamento da approvare in Consiglio Comunale

LA SPERIMENTAZIONE

La sperimentazione definita nelle Liee Guida (esito della 1° fase) prevede lo sviluppo di un processo articolato in tre tappe che accompagneranno il confronto dalla condivisione dei bisogni alla condivisione di progetti.

1° TAPPA | Informazione e consultazione (maggio-agosto)

· Obiettivo di comunità: esprimere il proprio punto di vista, indicando i bisogni collettivi percepiti come più rilevanti.

· Risultato atteso: inquadramento delle esigenze del territorio/comunità da porre in relazione agli strumenti di governo delle risorse (PEG Piano Esecutivo di Gestione, DUP Documento Unico di Programmazione, BILANCIO).

· Attività in programma: evento di apertura (conferenza), questionario (mappa dei bisogni).

2° TAPPA | Condivisione e valutazione (settembre-ottobre)

· Obiettivo di comunità: confrontarsi con l’Amministrazione e i Consigli di Zona, dialogando sulle priorità e valutando le possibilità di intervento.

· Risultato atteso: comprensione delle priorità da porre in relazione alle esigenze emerse, alle risorse disponibili, agli ambiti tematici, alle idee collettive per uno sviluppo sostenibile.

· Attività in programma: incontri itineranti (4 appuntamenti), raccolta di idee (e selezione).

3° TAPPA | Co-progettazione e co-decisione (novembre-dicembre)

· Obiettivo di comunità: confrontarsi con l’Amministrazione e i Consigli di Zona, dialogando sulle priorità e valutando le possibilità di intervento.

· Risultato atteso: sviluppo del confronto progettuale per stimolare collaborazioni e comunanze costruttive, votazione pubblica delle proposte partecipate per individuare le proposte da mettere a Bilancio.

· Attività in programma: laboratori di co-progettazione (8 appuntamenti), votazione dei progetti (piattaforma on line)

LE ATTIVITA' DI PARTECIPAZIONE

TAPPA | Informazione e consultazione (maggio-agosto)

I primi passi per coinvolgere la comunità sono la messa on line del sito dedicato cerviapartecipa.it e l’indagine tra chi abita, studia, lavora o frequenta Cervia per individuare punti di forza e debolezza del territorio, sfide e opportunità da cogliere, criticità e cambiamenti da affrontare, potenziali vocazioni e priorità da considerare nel governo delle risorse.

Per far sentire da subito la propria voce, è possibile rispondere alle domande di un QUESTIONARIO per condividere i bisogni collettivi percepiti come più rilevanti, sui quali nei prossimi mesi ci si confronterà per valutare le possibilità di intervento (settembre-ottobre), per poi sviluppare e votare le proposte di comunità da inserire nel Bilancio del Comune (novembre-dicembre).

LINK per la compilazione del QUESTIONARIO ON LINE link 

Per chi non ha dimestichezza con gli strumenti informatici, il questionario è disponibile anche in versione cartacea al CerviaInforma, Informagiovani e Sportello Cittadinanza Attiva, Municipio (Ufficio Consigli di zona) e sedi dei Consigli di Zona.

LE ATTIVITA' DI SUPPORTO

FORMAZIONE

Sono previsti 4 incontri formativi di circa tre ore ciascuno, dedicati allo staff di progetto, ai membri del Tavolo di Negoziazione, ai soggetti interessati del territorio, al personale di altre pubbliche Amministrazioni (come occasione di scambio tra chi ha condotto esperienze affine).

La formazione sarà dedicata a sviluppare una riflessione sugli strumenti che danno corpo e sostanza alla pratica del Bilancio partecipato mettendo a fuoco le tematiche guida della sperimentazione: governance delle risorse, partecipazione civica, sostenibilità e Agenda 2030.

Invito incontro 14 aprile

cartolina_formazione_2_bis.pdf (562.7 KB)

Invito incontro 21 aprile

cartolina_formazione_3_bis.pdf (562.6 KB)

Invito incontro 28 aprile

cartolina_formazione_4_bis.pdf (562.5 KB)

TAVOLO DI NEGOZIAZIONE

Lo sviluppo del progetto è accompagnato da un Tavolo di Negoziazione: una sorta di cabina di regia o gruppo di coordinamento composto dai rappresentati delle principali realtà organizzate attive sul territorio. Il Tavolo rappresenta il più importante strumento di “governance del processo” il cui scopo è accompagnare lo sviluppo della sperimentazione stimolando il coinvolgimento di tutte le componenti sociali. Il Tavolo si riunirà indicativamente quattro volte nel corso dei prossimi mesi.

COMITATO DI GARANZIA

Il Comitato di Garanzia rappresenta un altro essenziale strumento di governance del processo: a differenza del Tavolo di Negoziazione, più focalizzato sull’andamento “in itinere”, il Comitato sarà valorizzato soprattutto “ex ante” ed “ex post”. Per un funzionamento snello ma efficace, i “garanti” sono in numero 3: essi definiscono a inizio processo quali aspetti presidiare con attenzione (rappresentatività dei partecipanti, imparzialità della conduzione, grado di “ospitalità” del processo generale); mentre al termine sarà valutato il grado di innovazione delle proposte, l’impatto sulle decisioni, i cambiamenti nella pubblica amministrazione, l’aumento di capacitazione della comunità.

I membri del Comitato sono scelti tra i partecipanti alla Comunità di pratiche della Regione, che hanno già sviluppatouna o più esperienze di Bilancio partcipato o Bilancio partecipativo: Sant'Arcangelo di Romagna, Vignola, Anzola Emilia.

La definizione puntuale e lo sviluppo del piano monitoraggio del processo (in itinere ed ex ante) sono attuati dal Comitato in collaborazione con i membri del Tavolo di negoziazione

COMUNICATI STAMPA

Elenco dei comunicati stampa relativi al progetto

Il progetto è realizzato con il sostegno della legge regionale Emilia-Romagna n.15/2018 (Bando 2021).

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...