IMU - dichiarazione di inagibilità/inabitabilità

Ufficio di riferimento

L'ufficio di competenza è Ufficio Tributi

Piazza Garibaldi, 1 - 1° piano

ICI - IMU: 0544.97.92.26 - 0544.97.92.98 TOSAP - ICP: 0544. 97.92.17

serv-tributi@comunecervia.it

Scopo

La base imponibile è ridotta del 50% per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni. A tal fine si intengono inagibili o inabitabili i fabbricati in situazione di degrado sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria, bensì con interventi di restauro e risanamento conservativo e/o di ristrutturazione edilizia, ai sensi dell'art. 3, comma 1, lettere c) e d) del DPR n. 380/2001 ed ai sensi del vigente regolamento edilizio comunale.
 

Descrizione

L'inagibilità o inabitabilità può essere accertata:
a) mediante perizia tecnica da parte dell'ufficio tecnico comunale, con spese a carico del
contribuente;
b) da parte del contribuente con dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR. n. 445/2000, che attesti
la dichiarazione di inagibilità o inabitabilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato; il
Comune si riserva di verificare la veridicità di tale dichiarazione, mediante il proprio ufficio tecnico
o professionista esterno. Nel caso di dichiarazione mendace saranno applicate tutte le penalità
previste dalla legge e dai regolamenti comunali, oltre che il recupero della maggiore imposta
dovuta e non versata con sanzioni ed interessi.
In ogni caso la riduzione della base imponibile ha decorrenza dalla data nella quale è stata
dichiarata l'inagibilità o inabitabilità del fabbricato come previsto al precedente punto a) o è stata
presentata all'ufficio comunale la dichiarazione prevista al punto b).
Mantengono efficacia, ai fini della riduzione, le dichiarazioni già presentate sempreché le
stesse e le condizioni di inagibilità risultino conformi a quanto previsto dal presente articolo.

 

Attivazione

  • Istanza di parte

Documenti necessari

Autocertificazione ai sensi del DPR. n. 445/2000.

Requisiti

Ai fini del beneficio gli immobili devono versare in una situazione di degrado sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria, bensì con interventi di restauro e risanamento conservativo e/o di ristrutturazione edilizia, ai sensi dell’art. 3, comma I, lettere c) e d) del D.P.R. n. 380/2001, e successive modifiche ed integrazioni, nonché del vigente Regolamento Edilizio Comunale.
Se il fabbricato è costituito da più unità immobiliari, catastalmente autonome e anche se con diversa destinazione, la riduzione è applicata esclusivamente alle sole unità dichiarate inagibili o inabitabili.

 

Luogo presso il quale consegnare la domanda a mano

  • Protocollo e Archivio
  • Ufficio Tributi

Modalità alternative per la consegna

  • Posta ordinaria

Fax: 0544/72363

Costi a carico dell'utente

Nessun costo a carico dell'utente

Normativa di riferimento

Regolamento Imu.

Informazioni utili

L'aliquota agevolata è applicabile dalla data di presentazione dell'autocertificazione o dalla data della perizia tecnica richiesta.

Responsabile del procedimento

Il Dirigente di Settore o il Responsabile del Servizio o altro dipendente all'uopo delegato
Ufficio: Ufficio Tributi
Dirigente: Senni Guglielmo
Settore: Risorse
Servizio: Tributi
Dove rivolgersi: Piazza Garibaldi, 1 - 1° piano
Tel. ICI - IMU: 0544.97.92.26 - 0544.97.92.98 TOSAP - ICP: 0544. 97.92.17
Orari di apertura al pubblico:

dal lunedì al venerdì ore 9:00 – 13:00
il martedì e giovedì ore 15:00 - 17:00

Titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia: Campidelli Margherita - Segretario Generale

Le richieste di intervento sostitutivo dovranno essere inoltrate, mediante istanza scritta, circostanziata, completa delle indicazioni utili ad individuare il procedimento per il quale si chiede l'intervento sostitutivo:

A) da parte dei privati che hanno l’obbligo giuridico di dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a: comune.cervia@legalmail.it

B) da parte dei privati che non hanno l’obbligo giuridico di dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) tramite:

  • posta ordinaria indirizzata a Comune di Cervia Piazza Garibaldi n. 1 - 48015 Cervia
  • fax 0544/72.340

Strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato in materia di procedimenti amministrativi

Si rendono noti gli strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale riconosciuti dalla legge in favore dei soggetti interessati in un procedimento amministrativo e nei confronti del provvedimento finale, ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli. Vedi documento

Aggiornato al 25/03/2020

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...