Servizio Urbanistica

Piazza XXV Aprile, 11 - 2° piano

0544.97.91.51

0544.91.49.03

Responsabile

Ing. Daniele Capitani

0544.979.150

Richiedi appuntamento

Orari di ricevimento:

il martedì ore 9:00 – 13:00
il giovedì ore 9:00 - 13:00 e 15:00 - 17:00

Componenti del Servizio

 Ing. Annalena Arfelli

 Tel.  0544 979152

 E-mail  arfellia@comunecervia.it

 Arch. Maria Laura Callegati

 Tel.  0544 979154

 E-mail  callegatim@comunecervia.it

 Geom. Elena Taffagli

 Tel.  0544 979155

 E-mail  taffaglie@comunecervia.it

 Ing. Caterina Girelli

 Tel.  0544 979149

 E-mail  girellic@comunecervia.it

Adozione del PUMS

Si comunica che il Comune di Cervia ha adottato, con Deliberazione di Giunta n. 228 del 20/09/2022, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), ai sensi dell'articolo 3, comma 7 del D.Lgs. 257/2016 e del DM 04/08/2017, comprensivo del Rapporto Ambientale, della Valutazione di Incidenza e della Sintesi non tecnica, redatti nell'ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) di cui al Titolo II del D.Lgs. n. 152/2006.

Il presente Avviso di deposito è pubblicato all'Albo Pretorio dal 12 ottobre 2022 per 45 giorni consecutivi.

Gli elaborati del PUMS, così come adottati, sono consultabili presso il Servizio Urbanistica e Sostenibilità Urbana - SIT del Comune di Cervia, oltre che sul sito https://www.cerviasostenibile.it/pums/

Sono altresì consultabili presso Regione Emilia–Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale V.le della Fiera n. 8, 40127 Bologna, oltre che sul sito https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavasweb/

L'Amministrazione procedente, nel processo di adozione-approvazione del PUMS in oggetto, è il Comune di Cervia, mentre l'Amministrazione competente in materia di Valutazione Ambientale sul Piano medesimo è la Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale (VIPSA).

La presente pubblicazione dà l'avvio alla fase di consultazione del PUMS e della relativa VAS, prevista ai sensi dell'art. 14, D.Lgs. n. 152/2006 e l'Amministrazione competente esprimerà il Parere motivato, tenuto conto delle osservazioni presentate e degli esiti della consultazione, a conclusione della procedura di VAS, ai sensi dell'art. 15, D.Lgs. n. 152/2006.

Entro 45 giorni dalla pubblicazione del presente avviso e cioè entro il 25 novembre 2022, i soggetti interessati possono formulare osservazioni sul PUMS, nonché sul Rapporto Ambientale e sulla Sintesi non tecnica ai fini della Valutazione ambientale strategica, consapevoli che potranno essere pubblicate nei documenti di Piano.

Le osservazioni dovranno essere trasmesse in formato digitale attraverso lo sportello telematico al seguente link: https://sportellotelematico.comunecervia.it/procedure%3Ar_emiro%3Astrumenti.pianificazione.urbanistica%3Bosservazioni%3Bcomunicazione?source=1533 oppure, per gli utenti sprovvisti di SPID, in formato cartaceo, in unica copia semplice, presso il Comune di Cervia.

Possono essere altresì trasmesse in formato digitale all'indirizzo pec vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it oppure in formato cartaceo, in unica copia semplice, presso la Regione Emilia–Romagna, Area Valutazione impatto ambientale e autorizzazioni, V.le della Fiera n. 8, 40127 Bologna.

Il Piano è inoltre depositato, come previsto dall’art. 15 c. 6 del D.Lgs. 152/2006 presso la Provincia di Ravenna e presso la Regione Emilia-Romagna.

Aggiornamento Catasto delle aree percorse dal fuoco - Anno 2021

Si rende noto che ai sensi dell’art. 10, comma 2, della Legge 353/2000 è stato predisposto l’aggiornamento annuale del catasto delle aree percorse dal fuoco nell’anno 2021.

Gli elaborati sono pubblicati sul sito internet del Comune, nella Sezione Urbanistica, e sono in libera visione e consultazione, presso il Servizio Urbanistica, P.zza XXV Aprile, 11, per la durata di 30 giorni consecutivi a far tempo dal 16 Settembre 2022.

Entro il giorno 18 Ottobre 2022, gli interessati possono presentare osservazioni ai sensi di legge.

 

Bonus facciate

La Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019, art. 1, co. 219-224) ha introdotto il “Bonus facciate”, un nuovo sconto fiscale che permette di recuperare il 90% dei costi sostenuti nel 2020 per interventi di recupero o restauro della facciata esterna di edifici esistenti di qualsiasi categoria catastale. La Legge di Bilancio 2021 (L. 178/2020, art. 1, co. 58) ha esteso la possibilità di avvalersi dell'agevolazione fiscale denominata "Bonus Facciate" anche all'anno 2021.

 

Ad usufruire di questa agevolazione possono essere inquilini e proprietari, residenti e non residenti, persone fisiche ed imprese che intendano intervenire su immobili collocati nelle zone A o B (definite nel D.M. 1444/1968) o in zone ad esse assimilabili.

 

Sono ammessi al beneficio tutti i lavori effettuati sull’involucro esterno visibile dell’edificio e le spese per l’acquisto dei materiali, la progettazione e altre prestazioni professionali connesse, comprese quelle relative all’installazione di ponteggi, l’IVA, la tassa per l’occupazione di suolo pubblico, ecc.

 

In considerazione della nota di chiarimento emanata dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MIBAC-UDCM Gabinetto 0004961 del 19/02/2020) sull’applicazione del “Bonus facciate”, in particolare circa l’individuazione delle zone A e B ed assimilabili, è possibile per i cittadini ricavare direttamente le informazioni dagli strumenti urbanistici ed edilizi comunali.

 

Con Det. Dir. 43/2021 sono state individuate le aree assimilabili alle zone A e B di cui al DM 1444/1968, come risulta nei relativi allegati:Allegato A Tabella di comparazione, Allegato B Planimetria.  

Attraverso il portale online degli strumenti urbanistici del Comune è possibile individuare l’immobile (tramite via e civico) e verificare se il tessuto di Piano Urbanistico Generale (PUG) in cui ricade l’immobile corrisponde ad una zona A o B del DM 1444/1968 in conformità a quanto disposto nella Tabella di comparazione.

 

La tavola di PUG nella quale è possibile effettuare la ricerca dell’immobile tramite indirizzo (via e numero civico) o tramite estremi catastali (foglio e mappale) e verificare la corrispondenza del tessuto di PUG con le Zone A e B è visionabile al seguente link (consultabile tramite i browser Firefox, Crome e Edge):

Qualora il cittadino intenda richiedere tale certificazione al Comune resta la possibilità di inoltrare specifico modulo di istanza tramite lo Sportello Telematico,  con l'ausilio di SPID. 

 
Il Comune di Cervia offre gratuitamente a tutti i cittadini, l’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), tramite il Servizio LepidaID,a cui si può accedere dal seguente link. 

Materiale informativo

Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...