Martedì 5 Marzo 2019

Annalisa Antonelli

 

Il borsone

Questo lo usavo per i miei trasferimenti Cervia/ Milano.
Nei primi anni ‘90 infatti studiavo a Milano con Marcella la mia migliore amica. Ero molto elettrizzata e incuriosita da questa nuova avventura metropolitana, così interessante e straordinaria una sorta di esperimento sociale per una che aveva vissuto sempre qui. Da quel borsone, un po’ alla Mary Poppins, riemergono piccoli aneddoti buffi della vita milanese.
Una volta restai incastrata con lo zainetto nelle porte a soffietto di un tram, un’altra volta rimanemmo perse per ore in metropolitana perche’non sapevamo che bisognasse guardare anche la direzione.
La volta piu’bella pero’ fu quando al supermercato ci dissero di inserire la moneta per prendere il carrello; da noi a Cervia non esistevano ancora e quindi scoprimmo solo dopo mesi di "ladrocinio"che invece la moneta serviva come cauzione. Invece che la tassa sul turismo noi cervesi provincialotte pagavamo anche quella sui carrelli!

Annalisa Antonelli