All’inizio del percorso di formazione della nuova strumentazione urbanistica del Comune di Cervia, si è convenuto sull’esigenza di traguardare nuovi modelli di sviluppo economico, sociale e culturale, in grado di far fronte alla velocità con cui la società è investita da trasformazioni sostanziali. Modelli di sviluppo in grado di rendere la nostra città  una Città Resiliente.

La resilienza non si sostanzia ormai solo come capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici e/o eventi calamitosi naturali, ma deve costituire direzione per uno sviluppo sostenibile del territorio, fondato nelle tematiche sociali, economiche ed ambientali.

Diviene pertanto centrale il tema della costruzione della “Città Pubblica”, attraverso l’impiego di politiche finalizzate al contenimento del consumo di suolo, alla salvaguardia del territorio rurale, alla rigenerazione urbana dei tessuti consolidati e riqualificazione diffusa, alla tutela del sistema insediativo storico, alla ricerca di qualità progettuale e sostenibilità degli interventi alle diverse scale e, infine, alla generale semplificazione delle procedure.

L’obiettivo è stato dunque quello di dotare l’Amministrazione, al termine del percorso di approvazione, di una strumentazione urbanistica flessibile, in grado di cogliere le rapide evoluzioni sociali, economiche ed ambientali.

A seguito di un articolato percorso partecipativo, con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 15/06/2017 sono stati adottati contestualmente:

  • il Piano Strutturale Comunale (PSC);
  • il Regolamento Urbanistico ed Edilizio (RUE) ricomprendente anche il Piano dell’Arenile, il Piano del Porto e, in via sperimentale ed innovativa, il Documento Programmatico della Qualità Urbana;
  • il Piano di Classificazione  Acustica.

In sede di adozione della strumentazione urbanistica, l’Amministrazione, in virtù del fatto che vi era perfetta aderenza tra i contenuti della medesima e i nuovi orientamenti regionali in materia, ha manifestato la volontà di aderire alla possibilità offerta dalla nuova legge urbanistica regionale, conformando PSC e RUE direttamente a PUG. 

E’ iniziato dunque un percorso di collaborazione con Regione Emilia Romagna e Provincia di Ravenna volto all’approvazione del Piano Urbanistico Generale (PUG) con la sottoscrizione di specifico Protocollo di Intesa. 

A seguito del periodo di deposito, valevole anche ai fini della procedura di valutazione di sostenibilità ambientale del piano, sono pervenuti numerose osservazioni, i pareri degli enti competenti in materia ambientale e le riserve della Provincia di Ravenna.

Contestualmente è stato attuato un articolato percorso di condivisione con associazioni e ordini professionali, sviluppatosi attraverso molteplici incontri tematici mirati a cogliere le suggestioni e i suggerimenti finalizzati al miglioramento qualitativo dei contenuti di piano.

Con delibera di C.C. n. 49 del 23.07.2018, si è provveduto pertanto ad approvare le controdeduzioni alle osservazioni dei privati, ai pareri degli Enti ed alle riserve della Provincia formulate al PSC, al RUE e relativa Valsat, unificando e conformando PSC e RUE a Piano Urbanistico Generale (PUG), Piano dell’Arenile e del Porto e Piano di Classificazione Acustica.

Con la medesima delibera si è disposto l’invio degli atti alla Provincia di Ravenna per l’acquisizione del parere ambientale in ordine alle previsioni del PSC e dell’Intesa in merito alla conformità del PSC rispetto agli strumenti della pianificazione di livello sovraordinato.

Non essendo stato sottoscritto in fase iniziale l’Accordo di Pianificazione relativo al PSC, l’approvazione degli strumenti di pianificazione comunali è infatti subordinata alla preventiva acquisizione dell’Intesa con la Provincia di Ravenna in merito alla conformità agli strumenti di pianificazione di livello sovraordinato, nonché al recepimento delle eventuali modifiche indicate nell’Intesa stessa.

In seguito alla delibera di approvazione delle controdeduzioni, è stato approntato un tavolo operativo con Regione e Provincia, finalizzato alla verifica di rispondenza dei contenuti di PSC e RUE adottati e contro dedotti confluiti nel PUG alla nuova normativa urbanistica.

La Provincia di Ravenna ha dato evidenza del fatto che in sede di controdeduzione gli elaborati di piano sono stati modificati e/o integrati, in accoglimento delle riserve precedentemente formulate. Ha espresso quindi sia l’Intesa in merito alla conformità del PSC conformato a PUG agli strumenti della pianificazione di livello sovraordinato, sia il parere motivato positivo in merito alla Sostenibilità Ambientale del PSC, così come convertito a Piano Urbanistico Generale (PUG), formulando una serie di raccomandazioni da mettere in atto in fase di attuazione del piano.

Tali raccomandazioni sono in buona parte già contenute negli elaborati di PUG per quanto di competenza, mentre le restanti attengono ad altri strumenti (Regolamento Edilizio Comunale) nei quali sono già contenute.

Il procedimento di redazione dei nuovi strumenti urbanistici comunali del Comune di Cervia si pone dunque in un periodo di transizione fra la LR 20/2000 e la LR 24/2017 e risponde conseguentemente ad entrambe le norme.

Con Delibera di Consiglio Comunale n. 70 del 28/11/2018 sono stati quindi approvati contestualmente:

  • il Piano Urbanistico Generale (PUG), nel quale sono confluiti PSC e RUE, adottati con deliberazione consiliare n. 42 del 15/06/2017, come costituito in sede di controdeduzione con delibera di  C.C. n. 49 del 23/07/2018;
  • il Piano dell’Arenile e del Porto;
  • la Classificazione Acustica.
Utilizzando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Leggi tutto...